Subito una Strategia per l’uguaglianza delle persone LGBTI in Italia

La Ministra delle Pari Opportunità deve procedere con urgenza all’approvazione di una Strategia LGBTI completa di date, risorse e attività di valutazione, per raggiungere entro il 2025 la parità di trattamento per tutte e tutti.

All’indomani dello spettacolo offerto dal Parlamento sul Ddl Zan, è necessario che tutto il Governo e il dipartimento per le pari opportunità e la famiglia in particolare, ridiano fiato a quelle politiche avviate con l’adozione della 1° Strategia nazionale LGBT (2013-2015), recependo la Raccomandazione CM/Rec (2010)5 del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa  che si impegna a tutelare i diritti della comunità LGBT promuovendo la parità di trattamento e un piano operativo contro le discriminazioni.

Si trattava di misure e azioni concrete per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere nei seguenti campi:

- Educazione e Istruzione, in particolare per ciò che concerne la prevenzione e il contrasto dell’intolleranza e della violenza e del bullismo omofobico e transfobico;

- Lavoro, per ciò che attiene la discriminazione nell’accesso al lavoro e le condizioni di lavoro, differenziando tra la situazione di persone gay e lesbiche rispetto a quella delle persone transessuali e transgender; in particolare attenzione è posta al problema della “visibilità” di queste ultime, nonché alla promozione di politiche di diversity management e di azioni positive finalizzate all’inclusione socio-lavorativa;

- Sicurezza e Carceri, in relazione alla sicurezza e alla protezione dalla violenza delle persone LGBT e alla prevenzione e contrasto dei “crimini d’odio”, con particolare attenzione alla informazione e sensibilizzazione delle Forze dell’Ordine e del personale dell’amministrazione penitenziaria;

- Media e Comunicazione per il contrasto degli stereotipi e dei pregiudizi nella rappresentazione delle realtà LGBT, che alimentano l’intolleranza, la discriminazione e la violenza, con particolare attenzione al contrasto del cosiddetto “discorso d’odio”.

L’applicazione di queste azioni hanno svelato tutte le positività e tutte le criticità esistenti nel nostro Paese. Una nuova strategia più ampia e più efficace, grazie alle lezioni apprese con l’implementazione della prima strategia, si sarebbe dovuta varare subito. Invece, dopo sei anni, non se n’è vista neanche l’ombra!

Nel novembre 2020 la Commissione Europea ha reso pubblica la 1° “Strategia per l’uguaglianza delle persone LGBTIQ 2020-2025”. 

Presentando quel documento, la Commissaria all’eguaglianza Dalli ha chiaramente invitato gli stati membri a sviluppare la loro strategia LGBTI offrendo il sostegno della Commissione europea. Ma l’Italia ha continuato a ignorare questo invito e quest’offerta rimanendo ancorata a un immobilismo ormai cronico sui diritti.  

Dopo l’affossamento del Ddl Zan, non ci sono più scuse. L’Italia deve varare una nuova strategia LGBTI prendendo esempio dalla Commissione europea.

Dai uno sbocco costruttivo alla rabbia per quanto accaduto sul Ddl Zan e firma questa petizione per aumentare la pressione sul governo affinché vari una nuova Strategia nazionale LGBTI.

Questa campagna è promossa da Certi Diritti, Arco, Gaynet, Agedo Nazionale e Associazione LGBTI italiana - Arcigay.

0persone hanno firmato
Obiettivo: 10.000

Elena Bonetti, Ministra per le pari opportunità e la famiglia:

La lotta per l’uguaglianza sostanziale delle persone LGBTI nel nostro Paese si vince se aumentano i diritti di cui si può godere. Gli stessi che sono garantiti per tutti e tutte dalla nostra Costituzione e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.

Di fronte all’immagine inconcludente e a tratti offensiva che ha dato di sé il Parlamento nel discutere e bloccare il Ddl Zan, ribadiamo che la via dell’uguaglianza è fatta di diritti e doveri , non solo di doveri. È fatta di azioni e risorse investite che le Istituzioni pubbliche devono adottare, richiamandosi alla legislazione vigente, sia europea che italiana. Un Governo che voglia essere davvero dalla parte di chi lotta per i propri diritti, che sono i diritti di tutti e tutte, deve operare concretamente perché questo avvenga, del tutto entro le proprie competenze.

Ecco perché chiediamo alla Ministra per le Pari Opportunità di adottare quanto prima quella Strategia nazionale per l’eguaglianza delle persone LGBTI che l’Europa ha già adottato nel 2020. 

Coerenza tra principi e realtà, questo vogliamo.


0persone hanno firmato
Obiettivo: 10.000